Andrea Alario, Ugl chimici: mancano le autorizzazioni per procedere con gli investimenti stabiliti nell’accordo Eni

“C’era un impegno preciso da prendere con il Ministero del Lavoro entro dicembre, questo è scritto nell’accordo, ma fino a oggi non si è visto nulla. Non si doveva permettere che gli operai arrivassero fino a questo punto”. Questo è quanto affermato da Andrea Alario, segretario provinciale dell’Ugli chimici di Caltanissetta. “Bisogna avviare urgentemente l’area di crisi, per permettere di avviare investimenti nel nostro territorio, e rilasciare le autorizzazioni per l’inizio dei lavori promessi nell’accordo”. L’accordo con Eni ha sempre parlato di mantenimento dei posti di lavori, ma oggi circa 200 operai metalmeccanici dell’indotto Eni, la cui cassa integrazione è scaduta ieri, non avranno più nessun introito a fine mese”. I lavori di interconnessione delle linee dovevano partire al più presto, ma finora sono mancate le autorizzazioni al procedere

Articoli correlati

Tagged with: