Comandante Montana: “rotatorie più sicure dei semafori”. Intanto polemiche per il malfunzionamento del semaforo di via Tevere

Il Semaforo di via Tevere è ritornato a lampeggiare, e aumentano sempre più  polemiche per il suo malfunzionamento che sarebbe potuta essere la causa della morte del diciassettenne Salvatore Scerra. Nessuno vuole addentrarsi nella dinamica dell’incidente avvenuto quella maledetta sera del 18 novembre, che è di competenza della Polizia, e il cui tragico epilogo ha lasciato sgomenta la città, ma l’art. 145  del codice della strada parla chiaro: “Quando due veicoli stanno per impegnare una intersezione, ovvero laddove le loro traiettorie stiano comunque per intersecarsi, si ha l’obbligo di dare la precedenza a chi proviene da destra, salvo diversa segnalazione”.  E questo è valido anche in presenza di semaforo lampeggiante. Il comandante della Polizia Municipale di Gela Giuseppe Montana, ha messo in evidenza come, per quanto riguarda la sicurezza stradale la rotonda, risulta essere almeno quattro volte più sicura del semaforo. In effetti il semaforo è il simbolo del traffico arrogante. Di fronte al giallo c’ è chi invece di rallentare accelera. Dall’ altra parte arriva chi crede di avere ancora diritto di passare. L’ incidente al semaforo avviene sempre fra due persone che pensano di avere ragione e i guai sono pesanti. Con la rotonda il traffico diventa democratico. Intanto ti fa rallentare sempre. Poi non genera tensione. Non c’ è il rischio che, se passa l’ altro, tu debba aspettare tre o quattro minuti con un rosso che sembra eterno. Si passa tutti, uno alla volta, con calma. “Quella del semaforo  – ci ha detto Montana – è una teoria superata da almeno un ventennio, per le grandi arterie molte città hanno inserito le rotatorie alla francese. Questa è la nuova frontiera anche per Gela, la abbiano adottata anche n contrada Marchitello.  I semafori congestionano il traffico mentre le rotatorie, rallentano ma non bloccano le auto. Anche in quell’incrocio di via Venezia, tra via Tevere e via Settefarine, si era pensato ad una rotatoria, ma manca lo spazio, per cui consiglio di usare molta prudenza alla guida, e faccio appello sempre al rispetto del codice della strada”.

Articoli correlati

Tagged with: