Crocetta sul Muos: non sono Obama, ho solo rispettato la legge e moniterò sulle emissioni

Dopo il rinvio della sentenza a parte del Tar sui ricorsi sulla questione  Muos, tra cui quelle sulla revoca delle sospensione dei lavori in c.da Sughereta da parte della regione, il presidente della regione Sicilia Rosario Crocetta, durante l’inaugurazione di alcuni reparti dell’ospedale Gravina di Caltagirone, ha parlato di  legittimità e ha ribadito che  non appena l’impianto entrerà in funzione, darà battaglia agli statunitensi qualora non facessero rispettare i livelli di emissioni delle onde elettromagnetiche. “Sul Muos sembra che io sia diventato una Obama” ha detto il Crocetta. “Noi non ci siamo costituiti contro il comune di Niscemi e contro chi non vuole il Muos – sottolinea Crocetta – per noi è un fatto puramente tecnico, non è competenza della presidenza della regione stabilire se il muos, come le trivelle possano essere o meno  istallate. Si addossano a volte delle colpe che non abbiamo, non sono il ministero delle attività produttive, per quanto riguarda le trivelle addirittura su mare extraterritoriale su cui non ha competenza nemmeno l’Italia, ho cercato di oppormi al muos, ma quando è arrivato un parere positivo da parte dall’Istituto di Sanità, ho dovuto rispettare rispettare la legge, sul piano personale ognuno può avere la propria sensibilità”. Il presidente ha assicurato che, una volta in funzione, eseguirà un monitoraggio molto attento dei livelli di emissione dell’impianto, per la tutela della salute dei cittadini. “Se loro vanno al di fuori dei limiti consentiti dalla legge la pagheranno”. 

Articoli correlati