Gela nella zona franca della legalità

Il Comune di Gela, oltre ai 22 comuni nisseni, ha aderito alla Zona Franca della Legalità istituita dalla Regione nel mese di marzo e che prevede un finanziamento di 50 milioni di euro per favorire l’insediamento di imprese che operano nella trasparenza. Zone Franche anche nei comuni dell’Agrigentino e dell’Ennese, come Canicattì, Campobello di Licata, Ravanusa, Licata e Pietraperzia.

Soddisfatto il sindaco di Gela, Domenico Messinese, che ha sottolineato al Giornale di Sicilia la grande opportunità di sviluppo sostenibile e di rinascita sociale e culturale per la città e per le imprese, che potranno operare in condizioni di sicurezza e di rispetto delle regole.

Il piano d’azione dovrebbe rendere appetibile territori per attrarre investimenti.

Articoli correlati