No alla festa di Halloween, si all’Holyween. Il 31 ottobre si celebrano i Santi

Da Halloween a Holyween, dalla notte degli orrori alla veglia di preghiera. Così don Lino Di Dio si oppone a una festa di importazione entrata a pieno titolo nelle abitudine laiche italiane.
“Il fenomeno Halloween, arrivato a noi dalla cultura celtica e americana, ormai si è imposto violentemente nella nostra realtà sociale, ridicolizzando così il principio cristiano della comunione dei santi – ha affermato don Lino – è grave preparare e abituare le nuove generazioni al culto dell’orrore, della violenza e rendere normali e divertenti figure orride e ripugnanti, fantasmi, vampiri, streghe e demoni, con la finta motivazione di esorcizzare e superare la paura della morte”. Sono diverse le parrocchie che, per la sera del 31 ottobre, stanno organizzando varie iniziative per celebrare “Holyween – la notte dei Santi” attraverso veglie di preghiere e serate di evangelizzazione. Una notte in preghiera è la vera sfida controcorrente alle notti insensate che spesso vivono tanti giovani. “Non vogliamo essere bigotti o creare paure, ma con verità bisogna affermare che lo scopo principale del fenomeno Halloween è la diffusione di una mentalità magica cui a volte inconsapevolmente o ingenuamente, attraverso feste, party o carnevalate ci si accosta – ha continuato il sacerdote – halloween fa dello spiritismo e del senso del macabro il suo centro ispiratore cercando di boicottare la ricorrenza in cui vengono ricordati i Santi e la commemorazione dei fedeli defunti in un appuntamento di marketing e di business del macabro. Si verifica a volte che nelle scuole si festeggia Halloween e si nega di allestire il presepe a Natale. Il mondo dell’occulto definisce la notte del 31 ottobre il giorno più magico dell’anno, il capodanno di tutto il mondo esoterico e le cronache internazionali ogni anno sono piene di fatti terrificanti che avvengono in questa notte”.
La Chiesa del Carmine, come fa ormai da diversi anni, organizza anche stavolta una veglia di preghiera che inizierà alle 21:30 con la Celebrazione Eucaristica, l’Adorazione e le confessioni che si concluderanno alle 4:00 del mattino.

Articoli correlati