Noto medico di Sommatino trovato impiccato. Aveva lavorato anche al Vittorio Emanuele

Sommatino è sconvolta  per la morte di un noto chirurgo, Giuseppe Vivacqua di 56 anni, trovato impiccato oggi pomeriggio nel giardino della sua villa di contrada Chiapparia. Il medico era specializzato in chirurgia toracica e prestava servizio all’ospedale Suor Cecilia Basarocco di Niscemi, ma  in passato aveva lavorato alla clinica privata “Regina Pacis” di San Cataldo e al pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele di Gela prima di essere assegnato al nosocomio niscemese. Aveva anche uno studio medico privato a Sommatino. Ancora poco note le cause del suo gesto, che risulta anche incomprensibile per i familiari, che hanno fatto l’agghiacciante scoperta: l’uomo era appeso ad un albero. Inutili sono state le manovre di rianimazione dei soccorritori del 118. La sua é una famiglia. Il medico, che in paese aveva uno studio professionale, in passato aveva lavorato alla clinica privata “Regina Pacis” di San Cataldo e al pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele di Gela prima di essere assegnato al nosocomio niscemese.  nota in paese: la moglie é anche lei medico così come una dei due figli di Vivacqua. 

“Ho parlato con lui fino a ieri sera ed era tranquillo – ha detto il sindaco di Sommatino, Crispino Sanfilippo, collega della vittima  – in lui vi era la volontà di ritornare a impegnarsi in politica”. Giuseppe Vivacqua, infatti, è stato consigliere comunale a Sommatino dal 1993 al 1997. 

Articoli correlati

Tagged with: