IL PESCE, NON PUZZA!!!

Le vacanze di Pasqua, poche ma buone, sono volate in fretta lasciandoci per ricordo qualche chilo in più! Al rientro dalle vacanze occorre ritornare alle buone abitudini alimentari e può rivelarsi molto efficace un breve periodo di depurazione legato ad un regime alimentare sano. I grassi dovranno essere di origine vegetale o provenienti dal pesce.

Via libera quindi all’olio extravergine di oliva, olio di semi di lino, frutta secca e… tanto pesce! Purtroppo si sa che maneggiare il pesce per cucinarlo lascia il segno. Anche se freschissimo, il pesce lascia un odore non sempre piacevole, soprattutto sulle mani. Ecco qualche semplice stratagemma per evitare cattivi odori.

1)CHIEDERE AIUTO AL PESCIVENDOLO: Sembra un suggerimento scontato, ma non lo è, soprattutto da quando la grande distribuzione ha reso un po’ distanti queste figure professionali. Il pescivendolo, però, sta lì anche per questo: pulire e sfilettare il pesce. Anzi, spesso sono giustamente orgogliosi della loro bravura, approfittatene!

2)INDOSSARE GUANTI MONOUSO: Soprattutto se siamo costretti a eviscerare il pesce, un paio di guanti usa e getta ci salva le mani dai lavaggi ripetuti. E protegge polpastrelli e unghie dalle spine e dalle squame che potrebbero graffiare.

3)NO ALL’ACQUA CALDA: Se non abbiamo scelta e dobbiamo maneggiare il pesce a mani nude, allora, subito dopo, lavatele con acqua fredda e sapone. No all’acqua calda, perché il calore fissa le molecole odorose sulla pelle.

4)ACETO BIANCO: Sentite ancora cattivo odore? Trucchetto: lavatevi le mani con poco aceto, lasciatele asciugare all’aria, poi lavatele di nuovo con acqua fredda e sapone. Funziona sempre!

Un trancio di pesce è facile da cucinare e porta in tavola tutto il sapore del mare! E’ buono anche quello surgelato, sempre comodo e a portata di mano. Oggi a pranzo o a cena, provate la ricetta di pesce Accento Food:

 NASELLO CON VONGOLE

PREPARAZIONE: 20 minuti

AMMOLLO: 4 ore

COTTURA: 10 minuti

CALORIE: 294 a porzione

PREPARAZIONE:

Sciacquate le vongole poi mettetele in una bacinella d’acqua salata in frigo per 4 ore a spurgare. Lavate e asciugate i tranci di nasello. Sbucciate l’aglio, tagliatelo grossolanamente. Scaldate l’olio d’oliva in una padella alta a bordi alti. Unitevi l’aglio e il peperoncino. Adagiatevi i tranci di nasello, salateli e rosolateli 2 minuti per lato. Bagnateli con il vino bianco e lasciatelo evaporare. Trasferite i tranci di nasello in un piatto, al caldo. Aggiungete nella stessa padella le vongole sgocciolate, coprite il recipiente, proseguite la cottura 4 minuti. Disponete i tranci di nasello su ogni piatto con le vongole (eliminando quelle rimaste chiuse) e il sugo di cottura. Decorate con il prezzemolo lavato e sminuzzato con le forbici e servite.

Buon Appetito da Accento Food!

Articoli correlati