1 marzo 1975 – 1 marzo 2016, alla San Francesco commemorazione per Emanuela Bonura, morta tragicamente insieme al fratellino

Era il primo marzo del 1975 quando Emanuela Bonura e il fratellino Nunzio persero la vita proprio lungo il tratto di strada che li avrebbe portati a scuola.

Un autotreno, purtroppo, nel fare manovra, rischiò di investire il piccolo Nunzio e la sorella intervenne per proteggerlo,gesto che non li strappò al tragico destino che li portò via ancora giovanissimi. Un dramma che l’istituto San Francesco, diretto dalla preside Giovanna Palazzolo e frequentato al tempo da Emanuela Bonura, ha deciso di ricordare in occasione del suo quarantunesimo anniversario con una messa che verrà celebrata nel plesso Giudici. Nella cappella della scuola, inoltre, verrà ricollocata una targa commemorativa. Alla cerimonia, organizzata dal dirigente di concerto con il consiglio d’istituto, saranno presenti il sindaco di Gela, il Procuratore della Repubblica di Gela Lucia Lotti, Salvatore Parlagreco, ex docente e direttore di Sicilia informazione, il Comandante del Reparto territoriale dei Carabinieri di Gela Valerio Marra e il Comandante della Polizia Municipale Giuseppe Montana. Saranno presenti anche la famiglia Bonura, gli ex alunni e gli ex docenti dell’allora I C. L’appuntamento è per il primo marzo alle 10:00 nell’auditorium “Virgilio Argento” dell’istituto.