400 alunni gelesi nel volontariato, anche in ospedale: ieri la consegna degli attestati al Vittorio Emanuele

Sono stati consegnati ieri pomeriggio, Martedì 17 maggio, presso la Sala Conferenza dell’Ospedale Vittorio Emanuele di Gela   gli attestati agli studenti di Gela che hanno partecipato al percorso di educazione alla cittadinanza attiva. Sono circa 400 i giovani  che dal mese di novembre sono impegnati in vari laboratori in tutti i quartieri della città di Gela, grazie al progetto avviato dalla Casa del Volontariato/Social Cohesion Factory di Gela. Alla cerimonia è intervenuto anche  il direttore dell’Ospedale Vittorio Emanuele di Gela Luciano Fiorella perchè quest’anno un numero importante di studenti in collaborazione con quattro associazione del territorio, ha deciso d’impegnarsi tra le corsie del nosocomio gelese. 
“Ho apprezzato molto l’iniziativa”, ha detto il direttore Fiorella. 
Il progetto è stato realizzato senza contributi pubblici per esaltare il valore della gratuità e del dono. Il Passaporto del Volontariato utilizza la pedagogia del learning by doing ossia dell’imparare  facendo per educare ai valori di solidarietà e giustizia.  Il  progetto ha visto un un percorso extra-scolastico per certificare le competenze acquisite durante le esperienze.  
I giovani hanno ricevuto il  Passaporto del Volontariato, una sorta di libretto o  documento che riconosce il valore educativo e formativo del volontariato.