Abela: la gara per la mensa scolastica all’insegna della legalità

Sarà celebrata il 18 gennaio prossimo la gara per l’assegnazione della mensa scolastica,  e sono una decina  le ditte a cui è stato inviato l’invito alla partecipazione al bando, che è stato pubblicato sul sito del comune di Gela. “Questa gara sarà all‘insegna della legalità, proprio ieri abbiamo avuto un incontro con il segretario della Cgil, Ignazio Giudice, per dare concretezza alle richieste provenienti dal sindacato, e che riguardano la  sottoscrizione di un Protocollo della legalità che possa rendere trasparente il sistema degli appalti pubblici.  Una garanzia per i cittadini e la Pubblica Amministrazione”. Questo quanto affermato dal neo assessore ai Servizi Sociali Francesca Licia Abela. Un servizio, quello della refezione scolastica che sta partendo con un notevole ritardo,  e che ha visto recare parecchi disagi  non solo alle lavoratrici,  ma anche alle 1600 famiglie che attendono dall’inizio dell’anno scolastico il servizio. “I motivi del ritardo – ha detto l’assessore – sono da attribuire a problemi burocratici che si sono trascinati dall’anno scorso, in cui c’é stata un’ alternanza di quattro aziende che hanno assicurato il servizio, in maniera non proprio regolare.  In più – ha continuato l’assessore Abela – non è stata rispettata la manutenzione delle cucine, che sono state trovate in un pessimo stato igienico e funzionale, e su cui si è dovuto intervenire”. L’assessore Licia   Abela, che si è insediato da alcune settimane prendendo il posto di Ketty Damante, sta predisponendo una pianificazione a lunga durata per cercare di dare una soluzione alle emergenze della città che vanno dalla mensa scolastica al trasporto dei disabili, e ai lavoratori della cooperativa Progetto Vita, e assicurare  l’aiuto domiciliare e assistenza ad anziani e disabili.   “Tante sono le emergenze, a cui bisogna dare una soluzione a lunga durata, così come stabilito dal programma del Movimento cinque stelle”.