Agati: dare alle imprese locali la possibilità di realizzare porto e autostrada

Una legge speciale per dare alle imprese di Gela la possibilità di realizzare il porto e l’autostrada.
Questo quanto chiede ai politici in carica il presidente dell’associazione Sviluppo del Golfo di Gela Dr. Francesco Agati.
«La città sta attraversando una grave crisi economica, inoltre Gel rientra nell’area di crisi complessa. Dopo le incoraggianti notizie arrivate da Palermo, Gela finalmente avrà un porto adeguato per fini commerciali e turistici a breve termine 2023. Un porto tutto nuovo con un progetto che costerà alla Regione 143 milioni di euro. Già vi sono le date e il crono-programma. Entro il 2019 possiamo aspettarci la posa della prima pietra, per la realizzazione del nuovo porto darsena di Gela, un progetto per il quale non ci sarà una frammentazione in lotti ma un bando complessivo.»
«La realizzazione del nuovo porto è certamente un tassello importante nel programma di sviluppo della città di Gela, e di tutta la provincia di Caltanissetta, ma da solo non basta. E’ propedeutico, questo si, per il completamento di altre importanti infrastrutture. Pensiamo già alla realizzazione di un asse viario in direzione di Agrigento che si intersechi con la variante di Gela, per altro già finanziata con 315 milioni di euro. Un collegamento autostradale con l’aeroporto di Comiso, il completamento della Gela-Siracusa ed il potenziamento della Gela-Catania a quattro corsie.»
«L’Obiettivo è fare uscire Gela dell’isolamento, le infrastrutture saranno certamente un volano di sviluppo per la città e per l’intera provincia di Caltanissetta. Ora facciamo susseguire i fatti alle parole, siamo certi che i nostri rappresentati stiano già lavorando per una legge che diano alle locali imprese la possibilità di lavorare e crescere con il territorio.» Ha detto Agati.