Aggressione Pronto Soccorso: pronto un Piano di sicurezza

Un Piano straordinario di sicurezza nei Pronto Soccorso dell’isola. Questo quanto annunciato ieri mattina dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, dopo la riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Una parte dei fondi regionali verranno stanziati per rafforzare il numero di guardie giurate in servizio nei pronto soccorso degli ospedali e incrementare i circuiti di telecamere di videosorveglianza.

Sulle aggressioni negli ospedali a danno di medici e infermieri è intervenuto il segretario generale della Fials sanità, Enzo Munafò, che chiama in campo i i direttori generali delle aziende nella loro qualità di responsabili della sicurezza del personale: “Il personale delle aree d’emergenza e degli ospedali siciliani ormai è terrorizzato. Gli episodi di aggressione si susseguono con un ritmo assurdo e inaccettabile. Si tratta, in taluni casi, di vere e proprie spedizioni punitive”. Ha detto il sindacalista a Gds.

Secondo il sindacalista a denunciare non devono essere chiamate le vittime delle aggressioni che sempre più spesso hanno paura di ulteriori ritorsioni, ma devono essere i direttori generali delle aziende nella loro qualità di responsabili della sicurezza del personale.