Agòn Eschileo al Classico, decima edizione della gara di greco antico

Conto alla rovescia per la decima edizione dell’Agòn Eschileo, la gara nazionale di greco antico che vedrà quest’anno trentatré studenti fare tappa al liceo classico di Gela, diretto dal preside Gioacchino Pellitteri, per confrontarsi a suon di versi tratti da una delle sette tragedie di Eschilo. Provenienti dai licei di Crema, Grosseto,

Milano,  Bitonto, Urbino, Locri e anche da quelli siciliani di Bronte, Adrano, Canicattì, Milazzo, Agrigento ed Enna, i campioni di greco vivranno insieme ai loro docenti e agli studenti e agli insegnanti gelesi cinque giorni intensi all’insegna del piacere archeologico-culturale e culinario delle nostre zone.

In programma infatti visite alle Mura Timoleontee, al Museo di Gela e ancora Piazza Armerina, Morgantina, Aidone e Taormina. La manifestazione, che entrerà nel vivo mercoledì 29 marzo con la gara che inizierà alle 8:30 di mattina, inizierà martedì prossimo e si concluderà con la premiazione il 1° aprile al teatro Eschilo.

I partecipanti verranno ospitati dalle famiglie dei liceali gelesi, mentre i loro docenti saranno in hotel. “È un appuntamento culturale importante per il nostro liceo – ha affermato il preside Pellitteri – ma anche per la cittá che viene valorizzata nei suoi aspetti più belli: da quelli culturali, archeologici e paesaggistici a quelli umani dell’accoglienza e del confronto con gli altri “. “Agòn non è solo una gara di greco antico – ha aggiunto  la professoressa Lella Oresti, presidente del comitato organizzatore – è un’occasione per evidenziare l’importanza degli studi classici, per far compiere esperienze significative ai giovani. Tutto questo grazie a Eschilo e al suo insegnamento universale”.

A sponsorizzare l’evento l’Eni. “Un appuntamento culturale di rilievo – ha detto il presidente della Raffineria di Gela Maurizio Mazzei – che noi sosteniamo con piacere insieme ad altre attività nel campo dell’istruzione e della formazione dei giovani che ci stanno dando grandi soddisfazioni”.

La giuria del concorso sarà presieduta dalla professoressa  Giuseppina Basta Donzelli dell’Universita di Catania. L’Agòn gelese è l’unico in Italia dedicato a Eschilo, mentre a Termoli si svolge quello dedicato a Sofocle  e a Trento a Euripide.