Ai domiciliari, ma sorpreso a rubare. Arrestato niscemese

Ai domiciliari, ma sorpreso a rubare all’interno di una abitazione. Arrestato il niscemese Rosario Conti, di 36 anni. L’ uomo dovrà rispondere del  reato di furto in abitazione aggravato. L’operazione è stata compiuta dagli uomini della squadra investigativa del Commissariato di Niscemi, diretti dal Commissario Capo Andrea Monaco. In particolare il  pregiudicato niscemese, dopo essere uscito dalla propria abitazione, si era recato in tutta tranquillità  nei pressi di una abitazione adibita a residenza estiva nei pressi di C.da Vituso per perpetrare un furto.

Tra l’altro gli agenti erano stati informati da un uomo che aveva dichiarato di essere stato attirato da una giovane donna, della quale non ha saputo  indicare le generalità, che vistosamente agitata  gli aveva indicato un uomo a bordo di una bicicletta diretto verso il centro abitato, quale autore di un furto compiuto pochi istanti prima presso l’abitazione della signora.. Quest’ultima aveva proprio trovato il pregiudicato a casa mentre rovistava all’interno della sua camera da letto e da dove aveva già sottratto 40 euro. A causa delle grida della donna, il pregiudicato si era messo alla fuga con la sua bici.

Gli agenti sono riusciti a trovare il pregiudicato  all’altezza della locale stazione ferroviaria, e lo hanno sottoposto ad  arresto. Al  termine dei necessari adempimenti l’uomo è stato associato presso la Casa Circondariale di Gela, mentre la somma di denaro è stata sottoposta a sequestro.