Aiello: preoccupazione per l’acqua che esce dai rubinetti di Gela e Vittoria

A rischio per la salute l’acqua che esce dai rubinetti di Gela e Vittoria. A denunciare la preoccupazione sulle condizioni di integrità e sicurezza sanitaria delle falde idriche, che interessano le due città vicine, è Francesco Aiello, ex deputato e assessore regionale e per anni sindaco di Vittoria, e Ciro Torre, del movimento politico Cento Passi che a capo al presidente della Commissione Antimafia siciliana Claudio Fava.

“I cittadini devono sapere che il Bacino idrogeologico dal quale viene attinta acqua per uso potabile per le città di Vittoria e Gela versa attualmente in uno stato di degrado tale da suscitare serie preoccupazioni sulle condizioni di integrità e sicurezza sanitaria delle falde idriche. Vogliamo porre l’attenzione sull’abbandono di questa zona che, seppur sottoposta a vincoli ambientali e idrogeologici, è diventata una discarica a cielo aperto e pericolosa per gli interventi agricoli, edilizi e industriali, che vi sono stati insediati”. Ha detto Ciccio Aiello con un comunicato a Ragusa Oggi.

.

Anche l’antica sorgente di Mulinello sarebbe in stato di stata abbandono e l’acqua si perde nel fiume. Inoltre l’intero sistema dei pozzi, e delle aree connesse, risulta pericolosamente privo dei quotidiani controlli e non coperto da forme di controllo né dirette, né indirette. Questo quanto messo in evidenza dai due politici in un comunicato.

“La questione idrica e la tutela dell’areal’integrità chimica e batteriologica dei terreni e delle falde, la tutela dei valloni e del paesaggio, investono le responsabilità di tutti” hanno detto i due politici.

Aiello e Ciro rivolgendosi all’amministrazione chiedono di recedere dall’idea di privatizzare l’acqua “dopo la disastrosa vicenda di Sicilia acque.
“Il costo del servizio in mano ai privati sale oltre ogni limite e la gente continua a patire la sete, come prima e più di prima”.

Un sit-in di protesta è stato organizzato presso l’antica cartiera di c.da Giardinello per il 27 maggio dalle ore 9:30