Al teatro Eschilo Petranura Danza con le musiche di Philip Glass

Con le musiche di Philip Glass, il 22 dicembre prossimo sul palco dell’Eschilo di esibirà la compagnia Petranura Danza.

Lo spettacolo dal titolo Respiro avrà inizio alle ore 20:30.

Le coreografie sono di Laura Odierna e Salvatore Romania, i danzatori saranno Salvatore Romania e Valeria Ferrante.

L’associazione Culturale Megakles Ballet fondata nel 1997 da Laura Odierna e Salvatore Romania, genera al suo interno un gruppo di lavoro denominato “Petranura danza” Nel 2008 presenta “Installazione”, coprodotto con CZD, a UVA grapes Catania Contemporary Dance Festival Organizzato dal Teatro Massimo Bellini in collaborazione con Scenario Pubblico. Nel 2009 partecipa alla stagione del cartellone di Scenario Pubblico presentando una prima internazionale: “L’albero di limoni” coprodotto con CZD. Nel dicembre 2009 la compagnia viene selezionata per partecipare al GALA WDA (World Dance Alliance Europe) Progetto internazionale “AAA CERCASI COREOGRAFI” svoltosi il 26 febbraio 2010 a Firenze, DANZA IN FIERA, vincendo il primo premio come migliore coreografia. Ai coreografi S. Romania e L. Odierna viene assegnata una residenza di tre settimane, per la creazione di un nuovo lavoro coreografico che debutterà nel luglio 2010 al Tsyoing theatre (Taiwan). pEtrAnUrA, tratto dal vocabolario siciliano (Pietra nuda) è il nome che abbiamo voluto dare al nostro gruppo di lavoro. Simbolicamente evoca l’azione magmatica del vulcano Etna, forza spaventosamente distruttrice ma al contempo straordinariamente generatrice, capace di donare nuova “Petranura”, di cambiare e di rinnovare continuamente il suo aspetto. Laura Odierna e Salvatore Romania collaborano da alcuni anni alla ricerca del movimento come espressione dinamico-comunicativa, non limitandosi alla sola creazione tecnica della coreografia, ma ricercando all’interno dalla stessa quotidianità quanto può essere necessario allo svolgimento narrativo di una performance. A tal riguardo hanno collaborato con diverse realtà sceniche, partendo dalla danza contemporanea contaminandosi poi con il teatro di strada, tradizionale e d’avanguardia. Socialmente impegnati nella diffusione della danza contemporanea, i due coreografi amano trattare dell’indicibile forza di evocazione del linguaggio del corpo, motivo per cui i tratti che caratterizzano il loro lavoro sono precisi, esigenti, ma anche ardenti, con un corpo manipolato, gettato al suolo, accarezzato, vissuto in ogni particolare, mai avulso dal contesto scenografico di sottile importanza evocativa ed impatto emotivo. Tra i progetti più significativi presentati in prestigiosi festival: “l’isola” Atena Summer Festival (Grecia); “Baroccando” Festival internazionale del Barocco Città Di Militello; “Gioco-co” Rassegna Coreografica Danzaria, Teatro Giuditta Pasta di Saronno.