Alejandro Solalinde : “I narcos mi vogliono morto”

Solalinde
Un uomo umile, candidato al nobel per la pace, impegnato da anni nella difesa dei diritti umani: è padre Alejando Solalinde, uomo di pace, che si batte con anima e corpo per strappare quante più vite possibili dalle mani dei trafficanti di esseri umani armati dai più importanti cartelli della droga.
Nella casa rifugio “Hermanos en el camino” di Ciudad Ixtepec dal 2007 a oggi ha accolto e protetto migliaia di migranti in fuga dall’ America centrale e diretti negli stati uniti.
Oggi, al Salone del libro di Torino, ha presentato il libro che racconta la sua storia “ I narcos mi vogliono morto” scritto a quattro mani con la giornalista Lucia Capuzzi a cura dell’editrice missionaria italiana EMI.
Padre Alejandro ha narrato, nel corso dell’incontro, come il Messico si ritrovi a vivere in una vera e propria narcocleptocrazia, il crimine è organizzato dal governo corrotto e criminale e così in tanti sono diventati pericolosi poiché voci fuori dal coro; e così, allo stesso modo, tanti giornalisti sono stati assassinati, tanti sono aggrediti e tanti ancora sono stati sequestrati.
Ma non solo giornalisti, anche le donne, madri di desaparecidos impegnate  nella ricerca dei figli scomparsi, e per questo considerate una minaccia, ghermite ed infine uccise nelle loro case.
“Per la stessa ragione- dice padre Solalinde – vogliono uccidere me e tutti quelli che lavorano per la difesa dei diritti umani e tra tutti, dei migranti” Sì, i migranti, perché  tra tutte le vittime di violenza, in Messico, le più vulnerabili sono proprio loro, una merce numerosa e indifesa.
 “Vivere con i migranti mi ha insegnato che tutti siamo migranti, indigenti esistenziali.
Tutti abbiamo bisogno delle stesse cose: cibo, acqua, calore, un rifugio dalle intemperie, riposo. Necessitiamo del prossimo, perché nessuno può vivere solo. In mezzo all’ incertezza anche si può essere felici. Vivendo con loro mi sono riconosciuto in loro ed ho capito che, anche io ho molto bisogno degli altri.”
Solalinde