Anche Gela nel Gal “Valle del Golfo”: crescita, sviluppo e nuovi posti di lavoro

Anche il Comune di Gela potrà essere parte integrante di un Gruppo d’Azione Locale per lo sviluppo delle politiche agrarie in chiave comunitaria.

È la concreta eventualità prospettata all’amministrazione comunale dal Dipartimento agli Interventi Strutturali Agricoltura della Regione Siciliana. Gela è stata ammessa al bando relativo al sostegno preparatorio per le strategie di sviluppo locale, propedeutiche alla costituzione del Gal “Valle del Golfo”, assieme ai Comuni di Comiso, Acate, Santa Croce Camarina e Vittoria. Proprio in quest’ultima cittadina, lo scorso 19 maggio, amministratori comunali, imprenditori, associazioni e università si erano confrontati per non arrivare impreparati a questa rilevante opportunità. Per il Comune di Gela era presente il vicesindaco Simone Siciliano.

“Le maglie si sono allargate anche per le nostre realtà sulle quali gravava la classificazione come centri ad agricoltura intensiva – ha spiegato Siciliano – perché la proposta di candidatura sarà incentrata sulla valorizzazione delle aree a forte valenza naturalistica. Riserve naturali, siti di importanza comunitaria e zone a protezione speciale così potranno dare alla nostra economia agricola quel valore aggiunto che spetta agli imprenditori della fascia trasformata. Con loro, ma anche con un networking ancora più ampio, oggi che abbiamo ricevuto rassicurazioni dalla Regione – ha concluso il componente della Giunta Messinese – redigeremo quel piano che ci consentirà di costituire un Gal con peculiarità uniche per lo sviluppo delle produzioni agricole ed extra agricole”.

“Il Gal – ha dichiarato il sindaco Domenico Messinese – metterà insieme un’area omogenea che vedrà l’attuazione di azioni di tutela ambientale e valorizzazione delle aree protette con lo scopo di perseguire una crescita equilibrata delle aree rurali, in termini di stimolo allo sviluppo locale, alla diversificazione, alla creazione e allo sviluppo di nuove piccole imprese e alla creazione di posti di lavoro”.

Il percorso che ha condotto il Comune di Gela alla conquista di questo risultato è stato seguito dal responsabile del servizio “Europa e bandi” Tonino Collura. “La misura in questione del Psr Sicilia – ha commentato Collura – vuole contribuire al raggiungimento degli obiettivi di innovazione e perseguire una crescita equilibrata delle aree rurali, in termini di stimolo allo sviluppo locale, alla diversificazione, alla creazione e allo sviluppo di nuove piccole imprese e alla creazione di posti di lavoro nelle zone rurali”.