Ancora disagi nel centro storico, i residenti: “Fortunati quelli che non ci abitano”

Il centro storico fra le zone della città dove sarebbe meglio non abitare. Se si ricavasse un resoconto dai disagi e dalle problematiche denunciate più e più volte dai residenti, il risultato non sarebbe che questo: meglio non vivere nel cuore della città.

Abitazioni a secco da giorni, con turni di erogazione che saltano, acqua che non riesce ad arrivare al primo piano a causa della bassa pressione e rubinetti che non gocciolano da venerdì.

A questo si aggiunge il disagio legato al servizio di sosta a pagamento. Da quando infatti le strisce blu non sono più attive, parcheggiare per i residenti è diventato impossibile. Le macchine infatti stazionano per ore e ore negli stessi posti e chi abita da quelle parti è costretto a giri e giri per tutto il quartiere, senza magari riuscire a trovare un parcheggio.

A ciò, come se non bastasse, si sommano anche gli schiamazzi e le liti dei ragazzi la sera, specie nel fine settimana e il fetore lasciato dalle loro urine nelle traverse del corso principale, dove possono agire indisturbati.

Insomma, uno scenario affatto degno di quello che dovrebbe essere il “salotto buono” della città.