Apertura domenicale, associazioni datoriali: “Più controlli sulle condizioni dei lavoratori”

Un incontro durato un’ora e mezza semplificato in un comunicato stampa.

Non si è fatta attendere la risposta delle associazioni datoriali alla Commissione sviluppo economico in merito alla questione dell’apertura domenicale e nei festivi dei supermercati. In una nota precedente i consiglieri avevano attribuito alle associazioni una risposta negativa alla domanda di una chiusura almeno parziale, auspicando piuttosto “politiche di favore verso la grande distribuzione organizzata, con la possibilità futura che questi esercizi non solo aprano le domeniche e i festivi, ma arrivino a rimanere aperti 24 ore su 24”.

“Le associazioni datoriali presenti all’incontro – hanno replicato – hanno più volte spiegato che questo tema era già presente su un tavolo di trattativa regionale e, anche volendo, ci sono leggi nazionali ed europee che sono molto chiare in merito.

La lamentela di pochissimi ‘supermercati’ locali e in particolare dei lavoratori a cui non sono riconosciuti l’indennità domenicale e l’eventuale straordinario è un tema che invece interessa moltissimo alle associazioni datoriali. Infatti, è stata condivisa la volontà della Commissione di attivare controlli in tal senso.

Alla stessa maniera, è stato chiesto di vigilare sulla panificazione domenicale e su tutte le attività abusive che, non essendo in regola con il personale dipendente e con le autorizzazioni, fanno concorrenza sleale a tutti gli imprenditori onesti che lavorano nel rispetto delle regole. La Commissione del Comune di Gela – concludono le associazioni – semplifica con un comunicato un incontro durato oltre un’ora e mezza. È vero che c’è chi arrivato dopo un’ora e quindi non ha potuto sentire nulla, ne possiamo solo prendere atto”.