Appello alla vostra sensibilità, colletta per aiutare cagnolina con problema alla mandibola

Mi piace pensare che i cagnolini che non hanno una famiglia non siano comunque soli. Mi piace credere che i randagi possano contare sulla sensibilità e sull’affetto di tanti per vivere felici e per sentirsi amati.

Di amici a quattro zampe per le vie della città ne abbiamo tanti, purtroppo sempre di più e i volontari da soli non possono aiutarli tutti. Stavolta non vi parlo di adozioni né di cani abbandonati e basta. Questa sera mi rivolgo ai vostri cuori, a quanti leggeranno questo appello. La cagnolina nera della foto è una trovatella.

Una piccola randagia con un difetto alla mandibola che non le permette di nutrirsi. Piange e, anche se non riesce a parlare, supplica e chiede aiuto con gli occhi e i guaiti. Riuscite a immaginare un animale indifeso che ha fame, ma non riesce a mangiare? Riuscite a farlo senza che vi si stringa il cuore in gola? Io no e come me molti altri.

Lei purtroppo è stata sfortunata: sola, senza una cuccia tutta sua, senza giochini e senza la possibilità di difendersi e crescere sana e bella. Da sola non può fare nulla, ma, come ho scritto all’inizio, mi piace pensare che in fondo non lo sia. Parlano di lei alcune persone nel gruppo facebook Lida Gela e lo fanno per fare la differenza. Questa povera cagnolina ha bisogno di un’operazione e ciò ha inevitabilmente un costo. Una spesa che, se divisa per dieci, avrà un peso. Se divisa per venti, per trenta, ne avrà un altro. Se divisa per tanti, non ne avrà.

È proprio così: da soli è difficile, insieme tutto può diventare possibile. La discussione è ancora aperta e invito chiunque a dire la sua, commentando e offrendo la propria disponibilità per dare dignità e una vita più facile e felice a questa cucciola nera. Il nostro piccolo contributo può fare grandi, grandissime cose e se la foto di questa cagnolina è arrivata fin qui, significa che non merita di rimanere inascoltata. L’unione fa la forza, dimostriamolo!