Arringa impedita perchè siciliano. Solidarietà della Laf Gela all’avv. Giordano

Anche la Laf (libera associazione forense) di Gela esprime solidarietà all’avvocato Stefano Giordano per quanto accaduto al tribunale del riesame di Trento il 19 settembre scorso, quando il presidente  ha impedito all’avvocato di svolgere l’arringa in quanto “si trovava in un posto civile e non a Palermo”

“Episodio increscioso che offende la dignità professionale del collega e quella di una intera collettività” ha detto il presidente della Laf Rosario Giordano.

Secondo l’associazione la frase pronunciata dal presidente del tribunale “assurge il ruolo di vero e proprio stupidario razzista e espreme un clichè becero e offensivo nei confronti di una intera città e Regione”, resa ancora più grave in quanto pronunciata da un magistrato nel corso di una udienza e nello svolgimento delle sue funzioni.

La Laf invita l’ordine degli avvocati di adottare misure di solidarietà nei confronti dell’avvocato Stefano Giordano.