Ascia: «truffa» e «banda» non possono trovare spazio nelle Istituzioni

“Mi auguro che da questo momento le energie vengano impiegate per costruire, ognuno nel rispetto del suo ruolo”. Questo quanto dichiarato dal presidente del consiglio comunale Alessandra AScia. “Non è il momento – comunica la Ascia –  per partecipare a polemiche, né per fomentarle, né, tantomeno, per crearle. Mi tiro fuori da questo gioco al massacro, per il bene primario della città e per il ruolo che ho l’onore di ricoprire. Mi preme, però, sottolineare, con determinazione e fermezza, che alcuni termini, quali «truffa»  e «banda» non possono trovare spazio nelle Istituzioni (quelle con la I maiuscola), che, al contrario, siano di esempio e di guida e moralmente inattaccabili . Sono iscritta al PD, sono onorata di ricoprire il ruolo di Presidente del Consiglio comunale della mia città, intendo spendermi  per il bene della citta di Gela e per contribuire, con tante amiche e amici, a costruire un partito coeso che guardi al gruppo consiliare ma che riesca ad organizzarsi con i tanti che oggi si sentono distanti, che osservano in silenzio, forse delusi, e con i tanti che hanno dato un forte contributo candidandosi”
 

Articoli correlati