In attesa di buoni pasto e spettanze, Nursind avvia la raccolta firme per decreti ingiuntivi

Partita la raccolta firme da parte di Nursind Caltanissetta per la mancata erogazione dei buoni pasto e per le spettanze di dicembre 2016 al personale ospedaliero.  Il 30 settembre i legali del sindacato delle professioni infermieristiche nisseno,  depositeranno i decreti ingiuntivi che saranno circa 200.

Nonostante le rassicurazioni che l’Asp di Caltanissetta ha inviato al sindacato delle professioni infermieristiche, gli iscritti pretendono che le azioni legali circa la riscossione coatta dei buoni pasto agli aventi diritto venga continuata.

Rimane poi anche il saldo della produttività 2015 che molte unità operative debbono percepire nonostante sia stato concordato diversamente in sede di Prefettura nel corso dello stato di agitazione dello scorso giugno.

“Dispiace soprattutto constatare come l’Asp preferisca interloquire con molte altre organizzazioni sindacali piuttosto che con il NurSind che, numeri alla mano, è il primo sindacato in azienda.
Evidentemente i vecchi stereotipi legati alla mancata firma del contratto da parte del Sindacato degli Infermieri negli anni scorsi diventa deterrente per poter confrontarsi con il NurSind, proprio alle porte del rinnovo contrattuale dove già siamo molto oltre la soglia del 5% avendo superato da anni altre organizzazioni omologhe firmatarie di contratto.” Ha detto Nursind