In attesa di mobilità: i docenti esasperati, tanti i gelesi

A meno di 24 ore dell’inizio dell’anno scolastico 2017/2018 centinaia di docenti nisseni, tra cui tantissimi di Gela, non conoscono la loro sede in attesa di una assegnazione provvisoria.

Quella di Caltanissetta é l’unica provincia siciliana in cui non sono state pubblicate le relative graduatorie, per cui docenti di ruolo che avevano fatto richiesta di assegnazione nella sede vicino alla loro residenza dovranno prendere servizio nella scuola di titolarità, che spesso si trova a migliaia di chilometri di distanza. Eppure il ministro Fedeli aveva sottolineato che tutte le operazioni sarebbero state concluse entro il 31 agosto per un regolare avvio delle attività scolastiche. Ma la stessa Fedeli non sa probabilmente che l’Usp ( ufficio scolastico provinciale ) di Caltanissetta ha dovuto accogliere anche quello di Enna, senza avere un aumento di organico.

A pagarne le conseguenze saranno come al solito i docenti, che dovranno affrontare spese non indifferenti, e poi gli alunni che dopo qualche settimana dall’inizio della scuola si ritroveranno con docenti diversi.