‘Attrazioni repulsive’: la scultura di Leonardo Cumbo in mostra al Civico 111

Reduce dal successo di visitatori per la mostra del pittore siciliano Sebastiano Parasiliti, la galleria del Civico 111 è onorata di accogliere nel proprio spazio espositivo le opere di Leonardo Cumbo, scultore siciliano contemporaneo più rappresentativo del momento.

Artista poliedrico, Cumbo ha sondato le potenzialità espressive ed estetiche di materiali tradizionali e di quelli meno consueti attraverso la sperimentazione di strumenti e tecniche diversificati.

L’ironia espressiva, leitmotiv dell’artista, viene rappresentata con una simbologia colta dall’universo del quotidiano sia attraverso la creazione di sculture e installazioni polimateriche multimediali e interattive, sia attraverso la scolpitura e l’assemblaggio di grossi monoliti.

La mostra è legata anche a un evento importante, che coinvolgerà la città di Gela. Lo scultore infatti realizzerà, alla fine di gennaio, un’opera di acciaio Cor-Ten, resina con polvere di marmo e acciaio inox, su commissione di Nino Miceli, che la donerà al Comune. La scultura, dal titolo ‘Attrazioni repulsive’, rappresenta la lotta interiore dell’uomo siciliano, sospeso tra l’amore per la sua terra natia e l’attrazione verso il paesaggio, i luoghi, gli odori e i sapori e la voglia di fuggire, a causa delle ingiustizie legate alla mafia e di una politica e una burocrazia dormienti.

Intanto Leonardo Cumbo, tra febbraio e marzo, sarà in Giappone per realizzare una grande scultura lapidea per l’arredo artistico di un quartiere della città di Yukuhashi. Unico artista italiano, lavorerà in compagnia di altri cinque talenti provenienti da varie parti del mondo.

Sarà dunque un orgoglio per la galleria del Civico 111 ospitare le opere di uno scultore di così alto livello. L’inaugurazione della personale è prevista per domani, sabato 6 gennaio, alle 19:30, in via Senatore Damaggio n.111, a Gela. La mostra sarà aperta al pubblico fino al 31 del mese nei seguenti orari: dal martedì al sabato dalle 17:00 alle 19:30 e la domenica e nei festivi dalle 10:30 alle 12:30.