Aumentano le visite al museo di Gela, ma la maggior parte “non paganti”

Il museo di Gela è molto visitato la prima domenica del mese. Aderendo all’iniziativa del ministro Dario Franceschini #Domenica al Museo, musei gratis per tutti, interi gruppi ne hanno approfittato per vedere da vicino i tantissimi reperti archeologici che il museo di Gela contiene.

Un aumento della fruizione nel 2016 è quello che è stato pubblicato il mese scorso sul sito della Regione Sicilia.

Nel 2015 il museo e le aree archeologiche di Gela erano state vititate da 5.807 turisti, tra cui i non paganti 4050.

Nel 2016 i visitatori sono aumentati arrivando a 6.487, ma sono stati in crescita anche i non paganti cioè 4346.

In lieve crescita anche gli incassi che da 5.110 euro, sono arrivati a € 7.668.

“Il museo archeologico di Gela – ha detto il direttore Ennio Turco- durante l’anno è visitato da tante scolaresche e da insegnanti, che non pagano, invece i gruppi di turisti ne approfittano solo la prima domenica del mese”.

Il costo del biglietto è appena 4 euro, per visitare museo e area archeologica.

Un aumento vertiginoso delle visite si è registrato nei siti siciliani che nel 2016 hanno confermato la forza attrattiva dell‘isola , del suo straordinario patrimonio culturale e naturalistico e la stretta relazione esistente in questa Regione tra turismo e cultura.

I siti che hanno registrato il maggior numero di presenze e di incassisono stati il Parco Archeologico di Agrigento, il Teatro antico di Taormina, la Villa Romana di Piazza Armerina, la Neapolis di Siracusa

Articoli correlati

Tagged with: