Aumento Tari? Greco: solo degli “avventurieri” continuano a scherzare sulla pelle dei gelesi

Interviene l’avv. Lucio Grego sulla  vicenda legata alla gestione dei rifiuti, che “sta emergendo in tutta la sua preoccupante gravità.”

“Sindaco ed assessori, pressati da un debito nei confronti della Tekra, assolutamente stratosferico, strano e persino sospetto in alcuni passaggi, dopo due tentativi andati a vuoto, riprovano per la terza volta a chiedere un aumento del ben 40% sulla tassa dei rifiuti.” Ha sottolineato Greco. 

“Le stanno tentando tutte pur di convincere e coinvolgere singoli consiglieri e diverse forze politiche.”

“Ma con quale coraggio, di fronte ad una città invasa dalla spazzatura e dopo aver propagandato l’alta percentuale di raccolta differenziata, si arriva a chiedere un aumento così pesante?”

“Ma con quale coraggio si possono chiedere soldi ad una città stremata e vicino al collasso definitivo?”

 

“Lo capiscono o no che le condizioni economiche della nostra città peggiorano di giorno in giorno?”

“Lo sanno o no che la disoccupazione ha già raggiunto livelli inaccettabili?”

“Ma lo capiscono o no che questa crisi sta coinvolgendo tutti i settori della società?

Queste alcune delle domande che Greco rivolge alla giunta messinese.

“Solo degli «avventurieri» senza re e senza regno, confusi nella spasmodica ricerca di qualche approdo politico, possono continuare a scherzare sulla pelle dei gelesi con delle iniziative cervellotiche, insensate e in qualche caso sospette.” Continua Greco. 

 

“Son sicuro, infatti, che i consiglieri comunali di qualsiasi estrazione politica e per quanto divisi tra loro, non cadranno in questo tranello e sapranno difendere i legittimi interessi dei cittadini gelesi.” Ha concluso Greco.