Aumento Tari: si deciderà domani. E c’è già chi dirà No. Greco: “irresponsabile saccheggiare i cittadini”

Si deciderà domani sera sulla Tari che sarà all’ordine del giorno della seduta che inizierà alle 20:30. In previsione un aumento del 25-30% della Tassa sui Rifiuti per dare più decoro e pulizia alla città di Gela.

Una spesa in più per i cittadini gelesi, che comunque continueranno a pagare  meno rispetto ai residenti di altri comuni siciliani per la gestione dei rifiuti differenziati.

A dire di no sarà probabilmente il gruppo consiliare del Movimento cinque Stelle, lo stesso orientamento sarà mantenuto da Forza Italia, mentre il Pd deciderà domani durante la riunione del direttivo convocata per le 17:00.

Intanto Lucio Greco, portavoce e Fondatore di un’altra Gela si è pronunciato sulla sua pagina Facebook sull’aumento annunciato dal sindaco Domenico Messinese e dall’assessore all’ambiente Simone Siciliano.

«Solo degli “irresponsabili” possono pensare di saccheggiare i poveri cittadini gelesi già colpiti da una grave crisi economica ed occupazionale. Solo degli “avventurieri”, senza re e senza regno, possono continuare a scherzare sulla pelle dei gelesi con delle iniziative cervellotiche, insensate e in qualche caso sospette. Mi auguro che i consiglieri comunali, di qualsiasi colore politico, impediscano la realizzazione di una sparata così grossa; diversamente si renderanno, anche loro, responsabili del definitivo disastro dell’economia della città e saranno chiamati, prima o poi, a darne conto ai cittadini.» Ha detto Greco.