Bonura: “la politica che mi piace”. Potenziamento di videosorveglianza e controlli a Gela

Soddisfazione è stata espressa dal consigliere e capogruppo del Megafono Sara Bonura per la decisione presa ieri in Prefettura che prevede la sostituzione delle telecamere non funzionanti con quelle di ultima generazione  per un miglioramento  del sistema di videosorveglianza nella città di Gela.
“Finalmente dopo tante lotte con interrogazioni e mozioni arriva il risultato”, ha detto la Bonura.
Il provvedimento è arrivato dopo il vertiginoso aumento degli episodi di cronaca in città dove gli incendi notturni, aggressioni e risse la fanno da padroni. 
“Una decisione che mi aspettavo. Questa è la politica che mi piace”, ha detto il consigliere Bonura che proprio sulla questione aveva presentato agli inizi di febbraio una  interrogazione sulla piaga di “Incendi e atti vandalici. Enmergenza sicurezza”, con cui aveva chiesto al presidente del consiglio comunale Alessandra Ascia un vertice in prefettura che avrebbe previsto la partecipazione del Prefetto, dei vertici delle Forze dell’ordine e delle istituzioni. Nella mozione la Bonura aveva evidenziato che il 90% delle telecamere in città è fuori uso, a causa di mancata manutenzione, compreso i 5 server obsoleti e superati. La Bonura aveva chiesto anche un potenziamento dei controlli da parte delle Forze dell’Ordine. Ed ecco arrivare ieri l’incontro durante il quale si è deciso finalmente di intervenire non solo per l’ammoderanmento del sistema di videosorveglianza, ma anche per un incremento di controlli in una città che ha bisogno di sicurezza. 

Articoli correlati

Tagged with: