Capitaneria di porto: controlli sul pescato. Rilevate parecchie infrazioni

Nove illeciti amministrattivi per un totale di 17.434 euro. Questo è il risultato dell’operazione Nettuno -Fase 3, conclusa ieri dagli uomini della Capitaneria di porto di Gela. Si è trattata di una verifica capillare di tutto il comparto pesca, che ha impegato, oltre gli uomini, anche i mezzi navali, in tutto il territorio di competenza. Sono state rilevate, in particolare, violazione delle norme sulla rintracciabilità del pescato. Sono stati svolti controlli anche alle piattaforme petrolifere in cui la pesca è vietata, per motivi legati alla sicurezza della navigazione, sequestrando circa 80 metri di reti da posta, 2 fucili per la pesca subacuqa e 17 Kg di pesce. Dopo aver ricevuto autorizzazione di commestibilità da parte di Asp, il pescato è stato devoluto in beneficenza.

Articoli correlati