Carnevale niscemese, è record di turisti.

Il Carnevale niscemese 2017, dedicato al “Quinto ritorno di Peppe Nappa”, personaggio leggendario simbolo del Carnevale, ha riscosso un grande successo in termini di partecipazione popolare e registrato un considerevole afflusso di turisti provenienti da tutto l’Hinterland.

Sono state quattro giornate all’insegna dell’allegria, sfilate dei sette carri allegorici, gruppi in maschera, spettacoli, musica, balli, e concorsi dedicati ai più piccoli, il tutto con una spesa minima di circa sei mila euro che ha portato a stimolato l’aggregazione e la collaborazione dei cittadini volenterosi del terzo settore, scuole di ballo, delle associazione e gruppi sportivi che coordinati dal fabbro Salvatore Buscemi hanno realizzato i sette carri allegorici.

Premi conferiti

Nell’ambito del concorso “La maschera più bella”, curato da alcuni esercenti, nelle varie categorie sono stati premiati con un buono acquisto di 100 euro per ciascuna maschera: Ilary Arcerito e (primi classificati con la maschera “Cappellaio matto”); Ermelinda Lauricella (prima classificata con la maschera “Principessa Sissi”); premiato invece con un buono acquisto di 100 euro Vincenzo Di Puma (secondo classificato con la maschera “Cappellaio matto”).

Vittoria Piazza (con la maschera “Spagnola”) ed Antonino Scaramuzzino (con la maschera “Principino azzurro”), essendosi piazzati al terzo posto sono stati premiati rispettivamente con un buono acquisto di 50 euro.  

Nell’ambito del concorso “il Miglior gruppo scolastico mascherato” a cura dell’associazione Agorà, si è classificato primo l’Istituto comprensivo (classi della scuola primaria e dell’infanzia) sul tema “Aiutiamo le stagioni-diventiamo ricicloni” ed al secondo posto la classe IV B dello stesso istituto scolastico sul tema “Le maschere della tradizione italiana”.

Si è piazzata al terzo posto la scuola paritaria dell’infanzia “Snoopy” sul tema “C’era una volta il west”.

Sono stati conferiti i titoli del “Premio satira” al carro intitolato “La ripresa per l’ano nuovo (creato dal fabbro Totò Buscemi con la partecipazione dell’associazione di danza sportiva Dance 2000); il “Premio emozioni-allegria” al carro “Watsapp e le emoticool” (realizzato dall’associazione di danza sportiva Dance cool); il “Premio originalità e fantasia” al carro “Alice nel paese delle meraviglie” (creato da Franco Cannia e Vincenzo Pitrolo in collaborazione con l’associazione di danza sportiva One free time center); il “Premio Peppe Nappa al carro  “Willy Wonka e la fabbrica dei sorrisi” (creato dall’associazione genitori di soggetti diversamente abili con la partecipazione del Centro di aggregazione ed azione sociale); il “Premio scenografia e massaria“ al carro “C’era una volta il west” (costruito dalle associazioni Santa Maria, Tiger school e con la partecipazione dell’associazione sportiva Twirling e della scuola dell’infanzia Snoopy); il Premio “Freedom end Woodstock” al carro “I figli dei fiori” (a cura di Rosario Di Corrado, Giuseppe Di Corrado, Gandolfo Virga e con la partecipazione dell’associazione ginnastica artistica); il “Premio carisma” per il messaggio di equilibrio interiore tipico della cultura indiana al carro “Bollywood  (realizzato dall’associazione di danza sportiva Top dance)”.

Al fabbro Totò Buscemi, è stato conferito il titolo di “Re Carnevale”.

Sono state consegnate targhe di ringraziamento alle scuole di ballo della città per avere animato instancabilmente e gratuitamente il “Carnevale niscemese”, alle associazioni di volontariato per il supporto alla sicurezza, a Cettina Callari e Totò Cusa per avere curato la mostra fotografica storica sul Carnevale niscemese, alla famiglia Fidone-Valenti per avere messo a disposizione i locali per la mostra, all’architetto Gaetano Blanco per il collaudo dei carri allegorici, a Reina gioielli e Villa Sofia come sponsor.

Articoli correlati