Caso Eni. Sindacati convocati per il 21 ottobre

Riprendono le trattative tra sindacati e Eni per discutere sul piano industriale dell’azienda petrolifera. Il tavolo di negoziato è stato stabilito per  il 21 ottobre prossimo, presso il Ministero dello Sviluppo economico, sempre se non ci sarà uno slittamento di data, così come è avvenuto fino adesso. All’incontro è stato invitato a partecipare il presidente della regione Sicilia, Rosario Crocetta e il sindaco del comune di Gela, Angelo Fasulo.

I sindacati provinciali del settore chimico Cgil, Cisl, Uil e Ugl, chiedono il rispetto dell’accordo siglato il 31 luglio scorso, con cui si stabiliva la rimessa in funzionamento della Linea 1, e gli investimenti destinati ai lavoratori, sia dello stabilimento che dell’indotto. Intanto altissima è la tensione dei lavoratori, che non sanno ancora quale sarà il destino dell’azienda e se verranno trasferiti, in altre sedi in Italia o all’estero. È evidente che sia il governo regionale che quello nazionale deve esprimersi in maniera chiara sulle scelte industriali dell’azienda. Intanto è stato confermato lo sciopero nazionale di giorno 16 ottobre prossimo, che si estenderà anche nel territorio gelese con un sit-in davanti all’azienda,  reso necessario perché c’è il serio rischio che l’Eni smobilizzi la Raffinazione in tutta Italia, compreso Gela.

Tagged with: