Centro trasfusionale Vittorio Emanuele, il declassamento recherebbe problemi ai talassemici

Se il Vittorio Emanuele da Unità operativa complessa diventerà Unità operativa semplice anche il centro trasfusionale verrà declassato, con una conseguente riduzione di personale medico e infermieristico. A farne le spese sarebbero i talassemici, coloro che hanno ottenuto il servizio dopo tante battaglie e presidi nella struttura ospedaliera. Ma anche chi ha  problemi con le malattie ematologiche. Le leucemie sono in considerevole aumento in questi ultimi anni in città , e i talassemici che necessitano di cure sono circa 150. Tra i servizi all’interno del centro trasfusionale vi sono i prelievi di sangue da parte dei donatori, la gestione delle sacche di sangue e la aferesi, cioè la trasfusione del plasma a cui periodicamente di sottopongono i talassemici.