Cerimonia per ricordare le vittime delle Foibe. Il sindaco Francesco La Rosa, “teniamo vivo il ricordo di oltre dieci mila vittime”.

Niscemi- Tenere vivo il ricordo delle numerose vittime e dire “no” ai conflitti di razza e di territorio che avvengono ancora oggi. È stato questo l’invito che il sindaco Francesco La Rosa ha fatto ai presenti questa mattina, durante la cerimonia per ricordare le vittime delle foibe che ha avuto luogo alle ore 10:30 presso Piazza martiri delle Foibe. Apertasi con un momento di riflessione e preghiera a cura di Don Filippo Puzzo, l’evento ha visto l’alternarsi di alcuni interventi da parte dell’organizzatore Franco Bartoluccio e la lettura di un documento di testimonianza diretta. Alla fine della cerimonia da parte dell’associazione Bersaglieri è stata deposta sulla lapide, presente in piazza, una corona d’alloro. Alla cerimonia hanno preso parte : il vice sindaco Rosario Meli, l’assessore alla manutenzione Giuseppe Giugno, una scolaresca, l’associazione Bersaglieri, Rangers e l’associazione Anpe.

Una cerimonia per ricordare oltre diecimila italiani “non comunisti”, che tra il 1943 e 1947 sono stati massacrati, torturati e gettati nelle foibe dal regime comunista di Tito. Una vicenda su cui non si è mai fatto luce e non se n’è mai parlato abbastanza.