Cgil: amministrazione deve tutelare i lavoratori, oltre che verificare conti pubblici

“Amministrare significa verificare i conti pubblici ma evitare che i rifiuti siano per strada e con essi finiscono per diventare rifiuti anche i diritti dei lavoratori. Noi, caro Sindaco e cari Assessori, aspettiamo  una data e un’ora per sederci e insieme tutelare lavoratori e cittadini”. Questo é quanto comunicato da Ignazio Giudice, Segretario Generale CGIL. Il sindacato ha cercato e cerca un dialogo costruttivo con il Sindaco e la Giunta Municipale. “Un metodo – comunica Giudice- adottato con tutti i Sindaci di tutte le città italiane e, per restare a Gela, con tutti i Sindaci di Gela con i quali, come è noto, non sono mancati i tanti momenti di accesa polemica sulla visione della città e su come chi  da appalti (Comune di Gela) deve controllare al fine di garantire i diritti dei lavoratori. Questo vale dai lavori pubblici alla refezione scolastica, dall’assistenza agli anziani e inabili al servizio di raccolta rifiuti”. La Cgil è interessata a sapere se i servizi sono costati di più alla cittadinanza e quindi a ogni singola tasca dei cittadini , ma anche é interessata a interloquire con il Sindaco e la Giunta per affrontare le questioni aperte “evitando che a soffrire siano i lavoratori della raccolta rifiuti e del terzo settore ( assistenza, trasporto, ipab Antonietta Aldisio”. “Incontrare le imprese presso la mamma  di appalti e convenzioni e cioè il comune continua ad apparire la strada maestra. Noi, Cgil e centinaia di lavoratori, come sempre fatto continuiamo ad insistere per affrontare i problemi (tanti, delicati e seri)”, conclude il segretario. 

Articoli correlati