Cgil, Cisl e Uil: ottenuta proroga della cassa integrazione per operai indotto Eni

Cassa integrazione per i lavoratori dell’indotto in proroga fino al 31 dicembre 2015, ma già le confederazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, in collaborazione l’ufficio provinciale del lavoro, mediante verifiche, si stanno dando da fare per il proseguimento degli ammortizzatori sociali anche per i primi 5 mesi dell’anno 2016 (da utilizzare a discrezione delle imprese entro l’anno solare 2016), compatibilmente con l’avvio dei cantieri che consentiranno a centinaia di lavoratori di riprendere la normale attività lavorativa. Questo quanto comunicato dai segretari Ignazio Giudice, Emanuele Gallo e Maurizio Castania che hanno avuto oggi l’incontro con la Direzione Provinciale del lavoro di Caltanissetta, sede Istituzionale dell’assessorato Regionale al lavoro. Il blocco della cassa integrazione in deroga era ció che stavano rischiando i centinaia di lavoratori metalmeccanici, edili e di servizi, che continuano a stare a casa per il fermo degli impianti, a causa della lentezza del processo di riconversione. La questione è stata messa in evidenza dai tre sindacalisti. Alla riuniono ha partecipato anche l’Ing. Claudio Cortese, Direttore dell’ufficio Provinciale del lavoro e Luigi Scarantino, funzionario che da anni segue gli iter autorizzativi. La direzione provinciale durante l’incontro ha avuto notizie dalla sede centrale dell’assessorato al lavoro nella persona della Dirigente Generale dott.ssa Anna Corsello,  che ha confermato l’intervento della Regione per la copertura finanziaria della somma occorrente al completamento dell’anno in corso. 
 

Articoli correlati