Chi sarà il leader del centro destra di Gela? Agati: essere compatti per vincere le amministrative

È emersa la volontà del centro destra di essere unito e di vincere le prossime elezioni comunali. Questo quanto sottolineato da Fratelli d’italia,  i cui dirigenti Gaetano Minardi e Francesco Agati  hanno presieduto l’assemblea che si è svolta  mercoledì 8 giugno scorso.
Nell’incontro ha esordito il dirigente Agati: “il centro destra di Gela per vincere ha bisogno di regole univoche e certe, una lettera d’intendi con eventuale firma di tutti i partiti, movimenti e associazioni che si obbligheranno a leggere, approvare e sottoscrivere e rispettare per il bene comune”. 
Purtroppo l’iniziativa di intermediazione è riuscita a metà. L’On. Pino Federico ha  disertato la prima, presente era invece Maurizio Scicolone e tutto il suo gruppo che ha elogiato in più occasioni Gaetano Minardi, e le iniziative per realizzare infrastrutture di Francesco Agati.
 Si sono susseguiti in un clima amichevole e cordiale, gli interventi di quelli che dovrebbero essere i nuovi portabandiera del centro destra, rivolto verso un’eventuale scalata a Palazzo di Città. 
I punti di partenza sembrano comunque chiari: collegialità nelle decisioni e leadership autorevole verso un solo candidato. L’On. Pino Federico, aveva rivendicato una sorta di leadership morale del partito Forza Italia non riconosciuta dal gruppo Scicolone. 
“Insomma, il candidato da appoggiare alle prossime competizioni elettorali dovrebbe essere lui? Ha sottolineato Francesco Agati.  Ipotesi, però, scartata da molti, a cominciare dall’esponente dell’associazione Progetto Gela Maurizio Scicolone. 
All’hotel Sileno era presente anche l’ex candidato a sindaco Maurizio Melfa,  mentre  era assente anche l’altro concorrente alla poltrona di primo cittadino Lucio Greco, a sua volta uscito sconfitto dalle amministrative di un anno fa. L’avvocato, però, ha inviato alcuni suoi delegati, vicini ad Un’Altra Gela,  lista voluta dallo stesso Greco, come Famà.
Insomma, è chiaro che si cerchi una sorta di guida per un centrodestra compatto e unito. Può essere Pino Federico? 
“Difficile che una soluzione simile possa essere accettata di buon grado, almeno da molti dei presenti al vertice convocato da Fratelli d’Italia” Ha detto Agati.
L’intermediazione voluta fortemente dai dirigenti Francesco Agati e Gaetano Minardi riuscirà? Una vecchia volpe della politica provinciale, e un giovane promettente professionista sarnno in grado di ricompattare il centro destra nella città del Golfo di Gela?  
Sono intervenuti oltre alle persone già citate i consiglieri comunali Vincenzo Cascino e Salvatore Sammito, l’Avv. Bruno, l’Ing. Russo, l’Avv. Cascino fino agli esponenti locali di Forza Nuova, e molti altri.