Chiosco sul lungomare, Siciliano: “Condivisa l’opportunità di rimuoverlo”

Appena qualche foto ed è scattata subito la polemica sui social.

Parliamo del chiosco che stamattina è stato notato dai cittadini sul lungomare Federico II, proprio accanto all’opera di Leonardo Cumbo, che era stata donata alla città dall’imprenditore Nino Miceli. Sulla vicenda si è espresso il vicesindaco Simone Siciliano, fornendo alcuni doverosi chiarimenti.

“È stata condivisa l’opportunità da parte dell’imprenditore e dell’amministrazione comunale di rimuovere la struttura – ha affermato – in quanto si è ritenuto di superiore interesse pubblico l’utilizzo dello spazio, riqualificato per la libera fruibilità, al fine di godere di una nuova dimensione priva di confini architettonici.

D’altro canto l’imprenditore, sebbene titolare di una vecchia concessione, ha condiviso la visione dell’amministrazione, dando disponibilità immediata alla rimozione del chiosco, nell’impegno reciproco di trovare delle soluzioni alternative atte a riqualificare un’altra area pubblica, nell’interesse della collettività, garantendo nuovi servizi coerenti con gli interessi legittimi dell’attività imprenditoriale.”

 

(Foto pubblicate dalla pagina facebook “Movimento Civico Gela com’era”)