Commissione ambiente e salute: manca il riferimento alle bonifiche nell’avviso per la cessione di aree Eni

Nell’avviso esplorativo di confindustria per la cessione aree Eni, manca ogni riferimento alle bonifiche dei territori da occupare. Questo é stato messo dai componenti della commissione ambiente e sanità, del Comune di Gela, dopo  aver letto e studiato l’avviso esplorativo “per manifestazione di interesse alla realizzazione di iniziative industriali su aree oggi di proprietà di Raffineria di Gela S.p.A.” ed avendo appurato la mancanza, nell’avviso stesso,  di ogni riferimento alla bonifica delle aree in questione. I componenti della V Commissione, il cui presidente é il consigliere Virginia Farruggia, chiedono a Confindustria, al fine di garantire l’effettiva bonifica delle aree disponibili,  di inserire nell’avviso le clausole che portano al rispetto della normativa ambientale e di salute pubblica : “Pertanto, ogni nuova attività industriale, dovrà essere preceduta dalla certificazione idonea a dimostrare l’avvenuta bonifica delle aree interessate”. Inoltre chiedono la verifica “in quanto organo di controllo e di salvaguardia della salute pubblica, che le aree in questione siano state bonificate, così da evitare ulteriori esposizioni alla contaminazione accertata e garantire la salute di tutti i cittadini.” 

Articoli correlati