Commissione bilancio: “Si istituisca ufficio che intercetti finanziamenti pubblici”

Una serie di incontri in programma con l’assessore al bilancio Morello e con il dirigente al settore finanziario Depetro per sollecitare che vengano rispettati i tempi del consuntivo 2017 e previsionale 2018.

A farsene promotrice la III Commissione Permanente Bilancio e Programmazione Economica, presieduta da Angela Maria Di Modica e composta da Romina Morselli, Salvatore Sammito, Angelo Amato e Carmelo Orlando.

L’obiettivo è quello di scongiurare il ripetersi di ciò che è accaduto negli anni precedenti: esercizio provvisorio e commissariamento. Un proposito condiviso anche con l’assessore ai lavori pubblici Melfa, con cui la commissione ieri ha fatto il punto della situazione sui finanziamenti pubblici: dalle compensazioni Eni al patto per il Sud e dalle risorse UE ai fondi destinati alle città sedi di estrazioni petrolifere.

“Sono emerse diverse criticità – si legge nella nota della Commissione – in merito alla tempistica della progettazione, dovuta al fatto che i RUP sono oberati di lavoro e mancano risorse per pagare i progettisti. Ma mentre per il Patto per il Sud erano per la maggior parte già progetti esistenti presi dal cassetto della precedente amministrazione e manca ormai poco per ultimarli, per le  compensazioni Eni siamo in alto mare perché siamo ancora in una fase ideale  e non si è  ancora assegnato l’incarico della progettazione”.

Durante l’incontro si è  discusso anche della ristrutturazione delle  scuole e la commissione  ha suggerito di attenzionare le risorse del Miur. In merito ai finanziamenti sulle estrazioni minerarie invece, è stato programmato un incontro a breve presso l’assessorato regionale all’energia con i dirigenti  per sollecitare  l’erogazione delle risorse relativi a progetti presentati tra settembre e ottobre 2017.

“I soldi ci sono – ha affermato la Di Modica – occorre presentare i progetti esecutivi. Bisogna istituire un ufficio con risorse umane che lavorino esclusivamente sull’intercettazione di finanziamenti pubblici e sui progetti. Solo così questa città potrà avere una boccata d’ossigeno sotto tutti i vari aspetti, strutturale ed economico”.