Con 5 a 3 il Futsal Macchitella vince contro il TeamSport di Mascalucia.

Il Futsal Macchitella torna alla vittoria dopo due sconfitte consecutive, conquistando a Catania il primo successo esterno stagionale grazie al 5 a 3 contro il TeamSport Millennium di Mascalucia. Premiato un ottimo primo tempo, in particolare i primi 20 minuti di pieno controllo della partita, mentre è da rivedere un secondo tempo in cui sono emersi i limiti caratteriali della squadra biancorossa che ha rischiato di buttare alle ortiche una gara già vinta.Si diceva di un grande avvio di partita dei ragazzi di mister La Rosa, che sin dai primi minuti prendono in mano il possesso del gioco, grazie anche ad un efficace pressing e al solito ottimo possesso palla. Sblocca la partita Damiano Infurna con un bel diagonale di sinistro. Il raddoppio è una sfortunata autorete di un calciatore del TeamSport Milennium, che infila nella propria porta un cross basso di Mattia Mammano. Terza rete realizzata da Antonio Casano, che batte il portiere locale con un sinistro preciso, mentre il quarto gol è ancora di Infurna al termine di una bella triangolazione con Mammano. Sul 4 a 0 i biancorossi si siedono un po’, accontentandosi di uno sterile possesso palla, mentre comincia ad entrare in confusione l’arbitro che, condizionato dalle continue proteste dei calciatori locali, inizia a fischiare ogni minimo contatto, tra cui una punizione dal limite, da cui scaturisce la rete dell’1 a 4, e due tiri liberi, parati da un ottimo Filippo Bonvissuto. La ripresa è meno bella e il gioco molto più spezzettato. L’arbitro perde del tutto di mano la partita, sbagliando realmente di tutto, mentre i ragazzi del Futsal Macchitella perdono fiducia e si fanno condizionare da qualche provocazione di troppo dei calciatori di casa. Il TeamSport Millennium va in rete due volte, su altrettante disattenzioni difensive, mentre i biancorossi, sciupano numerose ripartenze in superiorità numerica, perdono Casano per un infortunio muscolare, e si affidano spesso agli ultimi baluardi difensivi, Meula o Zuppardo, lasciati in situazioni di uno contro uno. Al 29’ è finalmente Federico Gallo a chiudere il match battendo con freddezza il portiere avversario al termine di un’efficace ripartenza. C’è il tempo per un altro miracolo di Bonvissuto che neutralizza un tiro libero battuto a 6 metri dalla linea di porta, con l’incontro che si chiude sul 5 a 3 al termine di ben 6 minuti di recupero.

 

Articoli correlati

Tagged with: