“Con gli occhi del cuore”: il teatro racconta ai giovani il bullismo, la tossicodipendenza, la violenza e la mafia

Uno spettacolo per sensibilizzare i ragazzi alle tematiche del bullismo, della violenza, della tossicodipendenza e della mafia.

È stato questo l’obiettivo dell’opera “Con gli occhi del cuore”, portato in scena sul palco dell’aula magna dell’istituto “Ettore Romagnoli”, diretto dalla preside Sandra Scicolone, dalla compagnia campana “Il Teatro d’Autore”. Scritta dall’attore Carmine Pagano, l’opera ha voluto portare i giovani studenti a riflettere sulle situazioni di malessere e di disagio che molti vivono nella società attuale, invitandoli a non chiudersi in sé stessi, ma a parlarne e a cercare di risolverli qualora ne fossero vittime. Un’opera che ha riportato alla memoria anche figure importanti quali don Pino Puglisi, Falcone, Borsellino e le altre vittime della mafia. “Questo spettacolo – ha detto Carmine Pagano – invita a guardare la vita con occhi diversi, con gli occhi del cuore appunto, un po’ come le rondini che osservando il mondo dall’alto del cielo riescono a vedere tutti i difetti degli uomini”. Soddisfatta dell’attenzione e della sensibilità mostrate dai ragazzi la preside Sandra Scicolone che, ancora una volta, ha ribadito l’importanza fondamentale della scuola di farsi promotore e portavoce di questi messaggi sociali.