Concorso Scuola: in Sicilia 17.725 domande per 4010 posti. Ma i candidati potrebbero diventa circa 27 mila

Fino alle ore 14:00 di ieri era possibile presentare domanda di partecipazione al concorso docenti bandito dal Miur,il 26 febbraio scorso. Il concorso era riservato ai docenti abilitati, ma una valanga di ricorsi è dietro l’angolo da parte di chi non ha ancora una abilitazione. Per cui i numeri dati oggi non corrispondono alla realtà. Infatti sono stati pubblicati solo dati delle domande inviate tramite il sistema di piattaforma del Miur “Istanze on line”, riservata a chi già ha una abilitazione all’insegnamento. Secondo i numeri comunicati dal Ministero sono infatti 165.578 le domande di partecipazione al concorso I posti disponibili, alla fine, saranno 63.712. Quindi dovrebbe entrare un candidato su tre, e le domande sarebbe  lievemente al di sotto delle attese, in quanto  duecentomila, era l’ipotesi del ministero dell’Istruzione.Ma sappiamo che in queste settimane   il concorso è stato attaccato da sindacati e precari. Sono tre i bandi previsti: uno per la scuola dell’infanzia e la primaria, uno per la scuola secondaria di primo e secondo grado e, per la prima volta, un bando specifico per il sostegno. In Sicilia le domane on line sono state 17.725, ma il numero salirà vertiginosomente con le domande cartacee, si calcola intorno ad altre 10 mila domande,  che in questi giorni vedrà arrivarsi l’ufficio scolastico regionale. La Sicilia si posiziona al terzo posto per numero di domande, considerando che sia stata superata da Campania  e Lombardia. I posti disponibili nell’isola sono 4109, divisi tra 3.841 comuni mentre 268 sono riservarti al sostegno. La classe di concorso con più alti posti è la Primaria con 1096 posti.   È comunque probabile, vista l’alta partecipazione, che i vincitori di concorso non possano salire in cattedra già a settembre. Nella primaria e nell’infanzia il 95,6 per cento sono donne, nel sostegno il 91,7%. Il 63,1% delle domande proviene da candidati che hanno meno di 40 anni (con un picco del 69,9% in Lombardia). L’età media generale è 38,6 anni (39 per il bando primaria e infanzia, 38,8 per secondaria di I e II grado, 34 per il sostegno). Ma già da oggi cominciano ad arrivare i responsi dei ricorsi avviati. Adesso sono in migliaia i laureati isolani che sperano di essere ammessi al concorso in extremis, con i pronunciamenti dei prossimi giorni. Le prove scritte dovrebbero svolgersi a fine aprile, prima che il Tar per parecchi di loro si pronunci sul merito dell’esclusione. E con più partecipanti alle prove, i tempi per lo svolgimento del concorso si allungheranno e le prime assunzioni, previste per il 1° settembre di quest’anno, slitteranno probabilmente al 2017.

Articoli correlati