Consulta giovanile di Gela al consiglio comunale: avvicinare i giovani alla politica

I giovani di Gela vicino al territorio, ambiscono ad una partecipazione politica  attiva. Questo è l’obiettivo della Consulta Giovanile che ieri sera è stata presente in aula consiliare per far sentire la propria voce. Tre le  associazioni giovanili presenti, quella di Codici, Giovani Democratici  e Fronte  Giovanile.
“La Consulta – ha affermato il rappresentante dell’’associazione Codici Salvo Camiolo –  opererà affinché si creino le condizioni per una piena realizzazione dei principi di cittadinanza e di socializzazione dei giovani attraverso la piena collaborazione degli amministratori, degli uffici comunali competenti e con il coinvolgimento di scuole, associazioni e singoli “.
“La formazione di un Consulta Giovanile in città – ha affermato il rappresentante dei Giovani Democratici Stefano Scepi – sarebbe un importante passo avanti per corroborare una sinergia tra le istituzioni e il mondo giovanile. Tutte le associazioni giovanili, nonchè le scuole attraverso una partecipazione attiva potrebbero così intervenire per una maggiore tutela dei loro diritti e delle loro esigenze”.   
“Tanti sono i temi che la consulta potrà affrontare una volta costituita – ha dichiarato il rappresentate del Fronte Giovanile Raffaele Docente – ponendo particolare attenzione su alcune questioni fondamentali come la disoccupazione giovanile, che attanaglia Gela come tutto il resto della Sicilia e del meridione, ed altri aspetti sociali.” 
L’altro rappresentante del Fronte Giovanile Giuseppe Catania ha evidenziato  come “la creazione di una consulta giovanile potrebbe rappresentare non solo la realizzazione di un mezzodi promozione sociale, ma bensì potrebbe rappresentare lo strumento culturale attraverso cui riuscire a capire quali sono le vere problematiche territoriali delle nuove generazioni e, in risposta a queste, formulare le giuste proposte in favore dei giovani cittadini.”