Controversie energetiche: sportello per risoluzione extragiudiziale

Risoluzione extragiudiziale delle controversie energetiche, l’associazione Codici ha aperto uno sportello accreditato dall’AEEGSI. Si tratta di un intervento per disciplinare le procedure per la risoluzione extragiudiziale delle controversie, riguardanti consumatori e professionisti in genere, con l’obiettivo di favorire la ricerca di una soluzione condivisa che soddisfi entrambe le parti “in lite” e che eviti alle stesse un processo lungo e costoso.

Dal 1° gennaio, dopo il reclamo all’operatore energetico, il tentativo di conciliazione, svolto presso il Servizio di conciliazione dell’autorità per l’energia elettrica, gas e servizio idrico (AEEGSI) o altri organismi previsti dal testo integrato conciliazione(TICO), diventerà il primo metodo di risoluzione delle controversie tra consumatore e fornitore e dovrà concludersi entro novanta giorni.

I clienti di energia elettrica e gas dovranno rivolgersi esclusivamente alla conciliazione per risolvere le controversie non risolte a livello di reclamo con i fornitori di energia.

“Il tentativo di conciliazione – ha affermato Salvatore Camiolo, presidente di Codici – diventa condizione di procedibilità per gli eventuali seguiti giurisdizionali, ferma la possibilità di richiedere provvedimenti giudiziali urgenti e cautelari”.

Per informazioni e assistenza, recarsi nella sede territoriale in Via Empedocle, 85 o chiamare il numero 3404840345 dal martedì al giovedì, dalle 16:00 alle 20:00.