Corte d’Appello nissena: soppressione o accorpamento? Venerdì un’assemblea per decidere

Un’assemblea per decidere sul futuro della Corte d’Appello di Caltanissetta, che rischierebbe la soppressione, si terrà Venerdì 13 febbraio, dalle 9:00 alle 11:30. A chiederne la convocazione è stato il coordinatore distrettuale del sindacato Confsal Unsa Giustizia Enzo Falsone, che negli ultimi anni ha spesso lanciato appelli sulla Corte d’Appello nissena assieme ai vertici dell’avvocatura locale ed ai magistrati. Ancora un incontro, dunque, per tenere alta la guardia su una battaglia che per i rappresentanti del sindacato è di vitale importanza per tutto il territorio nisseno. L’invito a partecipare all’assemblea è stato rivolto a tutti i capi degli uffici giudiziari, compresi i coordinatori degli uffici del Giudice di pace sopravvissuti ed ai dirigenti amministrativi. Una delle soluzioni suggerite da diversi addetti ai lavori, per evitare la soppressione della Corte d’Appello, è quella dell’accorpamento di alcuni comuni delle province di Palermo ed Agrigento al distretto giudiziario nisseno, quali ad esempio Canicattì, Licata, Campobello di Licata, Gangi e San Mauro Castelverde. Ma su questo punto, sebbene siano d’accordo anche alcuni rappresentanti dell’avvocatura di quelle zone, ci saranno da trovare anche accordi politici. E resta sempre da tenere presente che con l’eventuale soppressione della Corte si perderebbero posti di lavoro e uffici impegnati nel mantenere la sicurezza di un territorio dove la criminalità, organizzata e non, è sempre piuttosto attiva