Cos’è la Women’s March?

Il 21 gennaio, il giorno dopo l’insediamento di Trump come Presidente degli Stati Uniti, enormi masse si sono mosse contro la sua misoginia, e in generale supportando i diritti delle donne, in America e non solo. 750.000 persone erano presenti a Los Angeles, 500.000 a Washington, e ancora altre migliaia intorno al mondo, con un totale di circa 4 milioni di partecipanti. Questa marcia è stata organizzata da quattro donne, Tamika Mallory, Bob Bland, Carmen Perez e Linda Sarsour, tuttavia anche degli uomini erano presenti per supportare le loro mogli, fidanzate, figlie, amiche: contrariamente a quello che fa pensare la (spaventosa) parola Femminista, si può credere nella parità dei sessi anche se si è un maschio.

Celebrità, lavoratori, disoccupati, bianchi, neri, nativi, maschi, femmine, transgender: tutti si sono mossi per rabbia, con la speranza di una rivoluzione, un cambiamento.
Il signor Trump ha appena firmato per bloccare i fondi sull’aborto, perché l’utero di una donna è affare del Presidente, non della donna che ha quell’utero, giusto? Vuole far chiudere Planned Parenthood, che aiuta persone più sfortunate economicamente ad avere le cure che necessitano. Il nuovo presidente è lo stesso che è stato denunciato per aver attaccato sessualmente una decina di donne.
L’America vuole davvero un uomo del genere al potere? Le bambine dovranno crescere con un presidente che reputa ben qualificati solo tristi uomini bianchi? Questa protesta dimostra di no.
Uno dei motti di questo movimento è stato “Costruite ponti, non muri.”, magari Trump dovrebbe imparare una cosa o due da loro.
Il fuoco della rabbia di queste persone, ha acceso la miccia di milioni di fuochi d’artificio, che insieme hanno creato qualcosa di straordinario. L’energia positiva scaturita da questa unione, è stata più forte della negatività sprigionata dalla Casa Bianca: questa marcia è stata molto di più di un evento organizzato su Internet, una catena d’amore resistente a tutte le ingiustizie che le donne, e le minoranze in generale, subiscono ogni giorno.

Articolo di

WhatsApp Image 2017-01-21 at 08.16.50

Eleonora Turco