Crisi occupazionale a Gela, interviene Sicindustria: “Imprese e famiglie, facce di una stessa medaglia”

“Ristabilire nel più breve tempo possibile le condizioni idonee allo svolgimento delle attività industriali, così da evitare di compromettere il percorso di riqualifica del territorio realizzato sino ad ora e mettere in difficoltà le imprese che operano nell’indotto Eni di Gela”.

Questo l’appello lanciato da Sicindustria Caltanissetta in merito alla vertenza che sta interessando gli operai dell’impresa edile ‘Turco Costruzioni’, che da quasi una settimana manifestano presso la Raffineria di Gela, paralizzando l’attività di tutto l’indotto.

“Imprese e famiglie sono le due facce di una stessa medaglia – ha affermato Rosario Amarù, presidente di Sicindustria Caltanissetta – ed è per questo che tutelare le prime significa assicurare il reddito alle seconde. In questi anni di crisi profonda molte imprese dell’indotto Eni hanno reagito al cambiamento senza arrendersi e questo è un merito che non può non essere riconosciuto, ma ogni sforzo rischia di essere vanificato se lavoratori e imprese non remano dalla stessa parte.

Questa situazione non può perdurare, perché metterebbe a rischio la sopravvivenza stessa delle imprese e con esse il futuro dei lavoratori. A causa dei blocchi, infatti, le imprese non possono ad oggi realizzare le attività programmate e non sono nella condizione di rispettare gli impegni assunti.

Occorre – ha continuato Amarù – un intervento deciso della Regione per far partire il programma di rilancio del territorio attraverso la firma dell’accordo di programma, il riconoscimento di Gela quale ‘Area di crisi complessa’, il progetto di riqualificazione della Raffineria come polo green e la riqualificazione del personale.

Ulteriori investimenti potrebbero derivare dalle azioni degli enti locali per le attività di riqualificazione urbana. Gli strumenti ci sono tutti, ma bisogna renderli operativi per fare di questa parte unica di Sicilia un posto sempre più attrattivo e appetibile per nuovi investimenti, vista anche la sua posizione geografica nel Mediterraneo”.

(fonte Ufficio Stampa)