Csag: agricoltura e turismo, assieme a logistica lo sviluppo di Gela

Soddisfazione è stata espressa dal Csag sull’esito dell’incontro in Senato da parte dell’amministrazione che ha presentato il progetto di Piattaforma Logistica del Mediterraneo in cui Gela avrà un ruolo principale.

Il Csag ( comitato per lo sviluppo dell’area gelese) sottolinea di essere stato più volte promotore del porto industriale di Gela a nuovo Hub del Mediterraneo, in quanto la città del Golfo ha la fortuna di trovarsi al centro della costa meridionale della Sicilia e al centro degli ingressi del Mediterraneo: Gibilterra e Suez.

“Tutto sembra muoversi nella giusta direzione, del resto dopo il disimpegno dell’Eni, a Gela rimane un porto industriale e antistante ad esso l’ex raffineria, che bonificata, potrà ospitare i piazzali e strutture per la logistica, ma non solo, unitamente alle aree industriali presenti a Gela, confinanti con la ex raffineria, siamo pronti ad ospitare tutte quelle aziende che vicino ai porti importanti lavorano sia sulle merci in transito, sia sulla costruzione-manutenzione dei natanti.” Ha affermato il Csag.

Il comitato ritiene indispensabile la rapida realizzazione i collegamenti viari già previsti come l’autostrada Siracusa-Gela, la nord-sud.

“Inoltre essendo già presente a Catania l’interporto, nel quale saranno destinate a transitare parte delle merci in arrivo al porto di Gela, il collegamento ferroviario veloce e l’autostrada Gela-Catania. Naturalmente in un progetto di questa rilevanza, al fine di poter inviare le merci in arrivo nel nord Italia ed oltre, si dovrà riparlare di Ponte sullo Stretto e di alta velocità tra il nord e sud Italia.”

Secondo il Csag insieme all’agricoltura e al ritorno al turismo, la logistica potrebbe rappresentare per questa area la maggiore fonte di reddito e di occupazione.

“Se l’Italia intera – continua il Csag- comprenderà il vantaggio di intercettare il flusso di merci in transito nel Mediterraneo, che rappresenta un grande giro d’affari per tantissime società di innumerevoli settori, allora eviteremo di far fare la circumnavigazione dell’Europa alle navi che transitano nel Mediterraneo, a pochi Km da Gela, ma soprattutto arricchiremo l’Italia, al posto di arricchire oggi Olanda e Germania.”

“ Un altro tassello indispensabile diventa l’ingresso di Gela nell’Autorità portuale di Catania, iter già avviato ed in corso di completamento.” Ha concluso il Csag.

Articoli correlati